Valledoria

Situato sulla costa dell’Anglona, lungo il Golfo dell’Asinara, Valledoria conta oggi 3.713 abitanti, dediti in gran parte ad attività legate all’indotto turistico.
Nella ventina di chilometri di fascia litoranea, infatti, numerose sono le spiagge di sabbia candida e finissima, spesso raccolta in imponenti dune affacciate su un tratto di costa incantevole. Il lido più suggestivo è probabilmente la spiaggia della Ciaccia.
L’area lagunare intorno alla foce del fiume Coghinas costituisce un paradiso avifaunistico di interesse comunitario; presso la foce si trova anche l’antica chiesa di San Pietro a Mare.
Il Comune raccoglie numerosissimi piccoli centri un tempo dipendenti dall’amministrazione di Sedini; autonomi dal 1960, con Valledoria si fa riferimento al territorio nel suo complesso, di cui il villaggio di Codaruina rappresenta il più importante.
Il nome deriva, presumibilmente, dalle rovine (“ruinas”) dell’antico borgo medievale di Ampurias. Ma già i Romani avevano posto qui loro insediamenti, attratti soprattutto dalla straordinaria fertilità del suolo, adatto per la coltivazione del grano e del carciofo, tuttora “onorato” in un’importante sagra che si tiene in aprile.
Altri eventi di rilievo sono la Festa del Mare, tra fuochi d’artificio e banchetto sulla spiaggia, la notte di Ferragosto, e la Mostra Internazionale dei Minerali e dei Fossili, che si tiene anch’essa ogni anno alla metà di agosto.
Non mancano i siti di interesse storico: fra questi, l’area nuragica di Monte Assari e le rovine del castello dei Doria (XII secolo).

Valid XHTML 1.0!Valid CSS!
Web Powered by Pentagrafica - Site designed and managed by Daniele Dore