Posada

Arroccato sulle pendici di una collina di roccia calcarea, Posada domina una fertile pianura ai piedi dell’omonimo rio. Paese ricco di storia e cultura, fu abitato già in periodo nuragico, come testimoniano i nuraghe “Monte Idda” e “Pizzinnu”. Sorse sulle rovine della cittadina di Feronia (importante centro cartaginese prima e romano poi).

Durante il periodo giudicale, divenne capoluogo della curatoria omonima del Giudicato di Gallura. A questo periodo risale la costruzione del Castello della Fava (XII secolo) eretto a difesa della cittadina, di cui si conserva la torre medievale a base quadrata alta 21 metri. Nel 1324 il castello fu ceduto agli Aragonesi. I giudici di Arborea ne conservarono il possesso fino al 1409, data in cui i sardi furono sconfitti dagli Aragonesi nella battaglia di Sanluri.
Il nome del castello risale a un'antica leggenda che parla di un lungo estenuante assedio da parte dei barbareschi. La leggenda racconta che dal castello venne inviato un piccione viaggiatore, al quale fu concessa l'ultima fava rimasta che portava il seguente messaggio: "abbiamo riserve di cibo nei magazzini del castello e acqua a volontà". Il piccione cadde nella tenda del re saraceno, che, trovata la fava nella gola del volatile, decise di desistere dall’assedio. Posada fu salva e il castello in suo onore prese il nome “della Fava”.
Il paese (2.394 abitanti) conserva ancora intatto il fascino di un piccolo centro turistico dal ricco passato e dall'intatta bellezza. Di notevole pregio la chiesetta di Sant’Antonio ricostruita nel ‘600 su base trecentesca, raggiungibile attraverso l’intricato quanto suggestivo dedalo di viuzze medievali del centro storico.
Nel corso degli ultimi anni, Posada ha conosciuto un buon sviluppo turistico grazie alle innumerevoli risorse ambientali. La lunga spiaggia di Posada, quella di Orvile e di San Giovanni offrono sabbia bianchissima e fondali trasparenti. Lo stagno che delimita la spiaggia di Orvile ospita anche diverse specie di animali acquatici. Il comune punta alla realizzazione del parco fluviale per la valorizzazione dell'ambiente.

 

Valid XHTML 1.0!Valid CSS!
Web Powered by Pentagrafica - Site designed and managed by Daniele Dore