La Maddalena

Unico centro abitato dell’arcipelago al quale dà il nome, La Maddalena è una popolosa cittadina di 11368 abitanti che d’estate si anima di turisti.

È stata fondata nel 1770, vicino a un piccolo insediamento di pescatori. Tre anni dopo arrivarono i piemontesi, che sistemarono un distaccamento militare. Gli anni successivi furono di grande sviluppo, anche grazie all’arrivo nell’isola di numerosi immigrati galluresi e logudoresi.
Nel 1887 La Maddalena diventò un punto strategico della Marina Militare italiana, mantenendo questo ruolo fino alla seconda guerra mondiale.
Dagli anni Settanta del Novecento, nel vicino isolotto di Santo Stefano, si trova una base statunitense per sommergibili atomici. La comunità a stelle e strisce costituisce un importante elemento sociale de La Maddalena.
Le bellezze ambientali, soprattutto il suo mare, sono la carta vincente di questa cittadina, oggi sede del parco nazionale dell’arcipelago. Il giro dell’isola, attraverso una comoda strada asfaltata, consente di godere dei colori della macchia mediterranea che si mischiano a quelli delle splendide coste. Anche l’abitato merita una sosta prolungata.
Da vedere soprattutto le piazze, dove si affacciano singolari edifici di origine sette e ottocentesca e dalle quali si dipartono stretti viottoli che portano al cuore del centro storico.
Qui spicca la parrocchiale di Santa Maria Maddalena, costruita nel 1814 su una pianta a navata unica, che custodisce, nella sagrestia, due candelabri e una croce d’argento donati alla città dall’ammiraglio Horatio Nelson. Caratteristico il porticciolo dei pescatori di Cala Gavetta, che ospita anche le imbarcazioni da diporto.
All’archeologia marina è dedicato il Museo archeologico navale “Nino Lamboglia”, in località Giardino, dove sono esposti i reperti (anfore, oggetti e strumenti di bordo, parti del carico, ancore) riportati in superficie da una nave oneraria romana, naufragata nei dintorni di Spargi alla fine del II secolo avanti Cristo.

 

Valid XHTML 1.0!Valid CSS!
Web Powered by Pentagrafica - Site designed and managed by Daniele Dore