Golfo Aranci

Nato come villaggio di pescatori alla fine del XVIII secolo, lo sviluppo di Golfo Aranci si Ŕ avuto a partire dal 1881, allorchŔ divenne scalo marittimo dei traghetti delle Ferrovie dello Stato, che tuttora collegano l'Isola con Civitavecchia.

Il paese, oggi arrivato ad una popolazione di 1.961 abitanti, si affaccia sull'omonima insenatura; anche se una leggenda narra che qui fosse naufragata una nave carica di agrumi, il nome della rada deriva presumibilmente dai numerosissimi granchi ("ranci") che vivono nei fondali.
La natura ha sempre avuto un ruolo nella toponomastica locale, tant'Ŕ che l'antico nome del borgo era Figari, a causa dei rigogliosi alberi da fico.
Secondo molti, questo Ŕ uno dei pi¨ bei tratti di costa dell'Isola; di sicuro, i rocciosi promontori e le imponenti falesie sono intervallate da diverse spiagge degne di nota, fra cui Cala Moresca e Cala Greca. Da segnalare anche la frazione di Baja Caddinas, sviluppatasi negli anni in seguito al boom turistico e dotata di un moderno porticciolo da diporto, e l'aspro promontorio di Capo Figari, i cui fondali sono considerati un paradiso per i subacquei.
Di fronte alla costa, l'impervia e suggestiva isola di Figarolo, popolata da una colonia di mufloni; a Figarolo restano anche i ruderi di un'antica villa romana.
La testimonianza archeologica pi¨ interessante, per˛, Ŕ il pozzo sacro "Milis", alla periferia del paese: alimentato ancora oggi da una sorgente, Ŕ piuttosto danneggiato all'esterno, ma presenta inernamente una ripida scalinata di ben 40 gradini, la pi¨ lunga che si conosca, che consente di accedere ad una stanza interna circolare alta pi¨ di 9 metri. Golfo Aranci Ŕ priva di tradizioni antiche: nondimeno, appare di estremo interesse in virt¨ della grande cura coreografica la rappresentazione della Via Crucis, istituita nel 1998.
Attori travestiti come i personaggi evangelici attraversano il borgo, seguiti con fervore e ammirazione dalla popolazione.

 

Valid XHTML 1.0!Valid CSS!
Web Powered by Pentagrafica - Site designed and managed by Daniele Dore